Seleziona una pagina

WhatsApp Image 2019-01-18 at 12.45.10

L’orientamento non è una stasi ma un processo. Un processo che dura tutta la vita.
Se ci trovassimo su un sentiero di montagna con l’obiettivo di raggiungere una vetta importante, non sarebbe sufficiente guardare la cartina all’inizio del percorso, dovremmo invece ricontrollare spesso, consultarla ad ogni bivio, orientarci quindi più e più volte. Ecco, nella nostra vita dovrebbe succedere più o meno lo stesso: se si hanno nel cuore grandi desideri, non ci si può accontentare di aver risposto una volta per tutte a quelle fatidiche domande: “Chi sono? Dove sono? Dove voglio andare? Come voglio andare?”.
Così anche il POG – dopo aver incontrato tanti ragazzi, esser cresciuto nei numeri ed aver tanto lavorato – ha sentito l’esigenza di fermarsi un momento e… ri-orientarsi! Siamo tornati a quelle domande e la risposta alle ultime due, non poteva che essere l’unanime: Vogliamo raggiungere più ragazzi possibili!

Ma come riuscirci?”. Costruendo una rete! Una rete che ci aiuti a diffondere il nostro messaggio, che ci aiuti a trovare nuove vie su cui far camminare il progetto.
Nel cercare di dare una risposta concreta a questo “come”, è nata l’idea dell’evento realizzato lo scorso 1° dicembre: “Nuove strade per crescere insieme. Una giornata pensata per coinvolgere tante persone che sapevamo condividere con noi la passione per l’educazione. Ma non è stata solo l’occasione per raccontare il nostro progetto, quello che facciamo e lo spirito che ci muove a farlo, è stata una vera e propria chiamata alle armi! Già, perché per costruire una rete abbiamo bisogno di mani… per questo abbiamo chiesto a tutti i partecipanti se era loro desiderio salire a bordo del POG e quale talento erano pronti a spendere per il progetto.

Ma non ci siamo fermati qui!
Il 5 dicembre, coinvolti dall’Asitor Associazione Italiana Orientatori, abbiamo partecipato in qualità di oratori, al tavolo di confronto sulle Buone Pratiche dell’Orientamento, in cui sono stati trattati temi quali l’alternanza  scuola-lavoro.
Il giorno dopo eravamo pronti a festeggiare Melissa che discuteva la laurea in Scienza della Formazione, con una tesi dal titolo: “Orientamento: a ciascuno la sua strada. L’orientamento come risorsa strategica per il futuro dei giovani”,  ed osservando come caso di studio proprio il POG Progetto Orientamento Giovani (è la seconda tesi sul POG; ndr).

Il 14 dicembre siamo stai convocati insieme ad altre associazioni (scelte fra le 80 partecipanti al bando) al Campidoglio, per prendere parte al Forum per l’Infanzia e l’Adolescenza: uno spazio permanente di confronto strategico sulle politiche per l’infanzia, l’adolescenza e la famiglia, che ha come fine quello di favorire la promozione attiva dei diritti dei fanciulli e degli adolescenti, anche stranieri, che vivono sul territorio romano.

Dal Comune di Roma alle aule dell’Università di Tor Vergata, il 20 dicembre siamo andati a portare la nostra esperienza di organizzazione al Master “ContaminAction University”.

Se il 2018 è stato un anno ricchissimo il 2019 è iniziato è iniziato davvero in modo sorprendente. Con un pizzico di ardore avevamo provato a metterci in contattato con il Vice Ministro del MIUR, con la semplice idea di incontrarlo e raccontargli del nostro progetto. Lo scorso 8 gennaio si è svolto l’incontro con il Vice Ministro! Nei prossimi mesi vi sveleremo cosa è nato da quest’incontro…

Ma ora siamo pronti per entrare in aula ad incontrare un po’ di ragazzi!
Per prepararci al meglio, il 12 gennaio si è svolta una giornata di formazione per tutti coloro che hanno espresso il desiderio di entrare a far parte del team progettazione del POG. Infatti, fra meno di una settimana ci aspetta il nostro affezionato Liceo Galileo Galilei di Terni, con ben 9 classi e 235 studenti!
Sempre a Terni abbiamo in programma un evento a fine marzo (sta volta fuori dal contesto scolastico) per coinvolgere tutti i ragazzi della città – e dei dintorni – che avessero voglia di fare un’esperienza di vera “bellezza”.

Febbraio sarà poi la volta di portare il progetto a Cerveteri. Ma non è tutto perché c’è molto molto altro in cantiere, quindi non smettete di seguirci! E se per caso leggendo tutto questo ti è dispiaciuto non essere presente il primo dicembre, e hai desiderio di collaborare con noi, o suggerimenti da offrirci, non esitare a contattarci al nostro indirizzo pog.scuola@gmail.com.

 

Pin It on Pinterest

Share This